Post

Cotton on: il potenziale sbalorditivo di passare ai vestiti biologici

cotton-on

L’acquisto di una maglietta di cotone biologico consentirebbe di risparmiare 2.457 litri di acqua, secondo un nuovo rapporto della Soil Association.

Most britannici sottovalutano l’impatto ambientale di cotone, pensando ci vogliono solo 314 litri di acqua per fare una maglietta di cotone – che è solo il 12% della vera figura di 2.700 litri, secondo un nuovo rapporto fuori oggi.

Tuttavia, l’acquisto di una maglietta di cotone organico certificata piuttosto che di una normale risparmierebbe l’incredibile cifra di 2.457 litri d’acqua – abbastanza per una persona da bere otto bicchieri d’acqua al giorno per tre anni e mezzo.

I consumatori sono invitati a risparmiare acqua nella catena di approvvigionamento acquistando magliette di cotone biologico in un nuovo studio della Soil Association – l’ente commerciale che autorizza i prodotti biologici e promuove l’agricoltura biologica, nonché l’ente benefico ambientale Hubbub.

Due britannici su cinque hanno anche affermato che, sebbene abbiano a cuore l’ambiente, non è loro venuto in mente che la produzione dei loro abiti potrebbe avere un impatto negativo sul pianeta, secondo la nuova ricerca.

Nell’industria della moda, oltre la metà degli indumenti venduti nel Regno Unito sono realizzati in cotone, il che significa che il passaggio dal cotone convenzionale a alternative di cotone più sostenibili continua a rappresentare una delle maggiori opportunità per i rivenditori di ridurre il loro impatto ambientale.

Il cotone è un raccolto notoriamente assetato come dettagliato nel rapporto. La crescita del cotone rappresenta il 69% dell’impronta idrica della produzione di fibre tessili; solo un chilo di cotone richiede fino a 10.000-20.000 litri di acqua per la produzione.

Il Forum economico mondiale ha identificato la scarsità d’acqua come uno dei primi 10 rischi globali per la società nei prossimi 10 anni, eppure la maggior parte del cotone viene coltivata in paesi che stanno già affrontando un grave stress idrico.

Tuttavia, la coltivazione del cotone utilizza organicamente una quantità di acqua significativamente inferiore (fino al 91%) rispetto al cotone convenzionale, afferma il rapporto. Inoltre, il cotone convenzionale utilizza circa il 16% degli insetticidi nel mondo e il 7% dei pesticidi.

Le vendite di tessili certificati Soil Association sono cresciute del 18% nel Regno Unito nel 2018 , evidenziando una crescita del mercato che ora vale £ 41,3 milioni. Nel Regno Unito, marchi come Komodo , Frugi , Greenfibres , Nomads , People Tree e Seasalt sono stati pionieri della sostenibilità, producendo abiti in cotone biologico completamente certificati durante la produzione e la lavorazione. Superdry prevede di diventare organico al 100% entro il 2040.

Per evidenziare il problema, Hubbub e la Soil Association presenteranno questa settimana un’installazione di 3,5 metri presso il centro commerciale Westfield nella zona ovest di Londra per mostrare agli acquirenti quanta acqua risparmia il cotone organico rispetto al cotone non organico.

Sarah Divall di Hubbub ha dichiarato: “La richiesta di un’industria della moda più sostenibile non è mai stata più forte e incoraggiare le persone a cambiare facilmente quando acquistano qualcosa di nuovo, come il cotone biologico, può fare davvero la differenza. Hubbub è impegnata a rendere l’industria della moda migliore per il pianeta e rendere più semplice per gli acquirenti fare le scelte giuste. “

0
Vintage Italian Fashion