Chiara Ferragni, la influencer lombarda, appare in abiti Prada circondata da una cornice e dinanzi ad un’opera della collezione del museo fiorentino degli Uffizi.

Mentre l’influencer annuncia a mezzo social la seconda gravidanza e finalmente l’ingresso della sua azienda in borsa, Vogue Hong Kong rende nota la cover e alcuni scatti del servizio realizzato a luglio nel museo fiorentino.

Le immagini svelate da Vogue Hong Kong che ritraggono la Ferragni in abiti Prada sono state realizzate dal fotografo di moda nato a Bratislava e a Londra Michal Pudelka.

Negli scatti ricorre il motivo della cornice che inquadra la giovane signora Fedez, che diventa così, nelle intenzioni dell’autore, come un’opera d’arte.

In un’altra immagine, in abiti retrò, dà le spalle ad un dipinto presumibilmente del Botticelli incluso nella collezione degli Uffizi.

La scorsa estate la Ferragni e il museo avevano pubblicato su Instagram delle foto che la ritraevano con il direttore Eike Schmidt e con alle spalle la Venere di Botticelli.

Le immagini avevano fatto il giro del web diventando un caso internazionale.

E, da una parte indignando i benpensanti, ma dall’altra avevano anche avuto l’effetto positivo di incrementare il pubblico più giovane del museo.

Lo scorso settembre, poi, l’artista Francesco Vezzoli ritraeva per il settimanale Vanity Fair la Ferragni nelle vesti di una Madonna del ‘600. A firma di Giovanni Battista Salvi detto il Sassoferrato.

Altra indignazione collettiva!.

La reinterpretazione scatenava l’ira dei credenti e quella del Codacons, un tempo associazione a tutela dei consumatori oggi organizzazione alla caccia di esposti che facciano notizia.

Presentiamo un esposto alla Procura della Repubblica e al Ministro dei beni culturali Dario Franceschini affinché intervengano su quella che non è una provocazione, ma una grave mancanza di rispetto per i cristiani, per l’intero mondo religioso e per l’arte in genere.

L’immagine che raffigura la Ferragni nei panni di una moderna Madonna con bambino dipinta da Giovanni Battista Salvi detto il Sassoferrato sfrutta la figura della Madonna e la religione a scopo commerciale, essendo noto come la Ferragni sia una vera e propria ‘macchina da soldi’ finalizzata a vendere prodotti, sponsorizzare marchi commerciali e indurre i suoi follower all’acquisto di questo o quel bene”,

si leggeva nella nota diramata.

Riuscirà il servizio di Vogue Hong Kong a scatenare nuovamente le polemiche o queste ultime si erano già esaurite la scorsa estate?