Post

J’adore Alexander McQueen, la leggenda

alexander-mcqueen_mcqueen-unseen-go-behind-the-scenes-and-dive-into-lees-world-body-image-1476812078

Sono trascorsi 10 anni dall’11 febbraio 2010, quando il rivoluzionario stilista  pose fine alla sua vita e a una carriera brillante eppure Alexander McQueen riesce ad incantare ancora oggi il mondo della moda, con collezioni uniche, dettagli impeccabili e l’abilità di rendere ogni capo un’opera d’arte senza tempo. E’ uno dei miei designer preferiti, lo amo per la provocazione innata, le ambientazioni futuristiche e l’approccio senza filtri alle sfaccettature più intime e oscure dell’animo umano. Un nuovo modo di concepire la moda uscita dagli schemi in mille modi diversi, non solo con il suo approccio al design e all’alta sartorialità, ma anche all’abbigliamento femminile in generale, vestendo le donne con un approccio mai pensato prima.

alexander mcqueenAlexander McQueen è stato prima di tutto un uomo, un sognatore ribelle, un anarchico concettuale, un essere fragile e geniale. Provocatorio e sensibile come pochi, la sua storia delinea il profilo di una personalità che, con sfilate sensazionali e collezioni indimenticabili, ha scritto un capitolo importante della storia della moda arrivando ai vertici della creatività contemporanea e lasciando le porte aperte a quella futura.

Oggi il suo marchio, detenuto da Kering, è nelle mani della designer Sarah Burton, già suo braccio destro, e la sua memoria è tutt’ora oggetto di celebrazioni e di tributi: nel 2011 il Costume institute del Metropolitan di New York gli dedica la mostra «Savage beauty», che fa il giro del mondo ed è celebrata con affetto al Victoria&Albert museum di Londra, mentre è del 2019 il docu-film Alexander McQueen–Il Genio della moda, realizzato da Ian Bonhote e Peter Ettedguisu, che  celebra la breve esistenza di uno degli artisti più iconici del secolo.

 

 

0
Vintage Italian Fashion