fbpx

L’Haute Couture di Balenciaga, una vera scenografia teatrale

da | Sfilate

balenciaga haute couture

Il 6 luglio ha debuttato la nuova collezione d’alta moda di Balenciaga, proprio nel giorno in cui si celebrava l’apertura del nuovo Balenciaga Couture Store nel cuore di Parigi, sorto al numero 10 di Avenue George V, in quegli stessi spazi che dal 1937 al 1968 videro fiorire il genio di couturier Cristobal Balenciaga.

Una collezione che parte da look futuristici, Demna Gavsalia, direttore creativo della maison, dopo la sfilata esprime il continuo dilemma di tutti i designer contemporanei costretti al continuo compromesso fra la storicità del marchio che guidano e la moda contemporanea.

Il rapporto speciale tra Demna e Cristobal si conclude prima con un abito argento monospalla indossato da Nicole Kidman, modella per un giorno, e poi con una serie spettacolare di Ball Gown indossati da Naomi Campbelle, Dua Lipa e Kim Kardashian, musa della stilista.

Giacche di jeans, bomber, trench sono gli elementi che aprono lo show insieme ai total look in neoprene, indossati da modelli con il volto coperto da una visiera scura e abiti a rete tempestati di cristalli.

Ci sono pellicce e cappotti leopardati, per il gran fiale via le maschere.

Entrano in scena le star e una serie di look che guardano all’archivio Anni 50 e 60 del grande couturier. Qui l’artigianalità ruba la scena.

Un trionfo di silhouette essenziali, soprattutto i long dress dalle linee pure, rapiscono l’attenzione per la ricercatezza dei materiali.

Le calzature, décolleté nere, già si annunciano come un bestseller della nuova stagione.

Le righe e i quadri sono il massimo del motivo che Demna concede ai suoi capi, rimanendo fedele al rigore monocromatico. Le nuances: bianco, nero, beige, rosa, azzurro cielo, argento, verde e giallo.

Interessanti le proposte delle borse a mano, simili a un kit di primo soccorso, ma che in realtà sono speaker, ovvero con un sistema audio portatile all’avanguardia, frutto di una collaborazione con Bang & Olufsen.

La seconda parte della sfilata segna l’arrivo delle star: Dua Lipa, che indossa un minidress giallo con coda laterale, Bella Hadid, con due rare creazioni a due tonalità, nero e verde smeraldo, Kim Kardashian, a cui è toccato un abito nero con scollo ampio e design a cuore con maniche lunghe a guanto, spacco e drappeggio laterale. E poi Nicole Kidman con un abito monospalla con strascico e guanti a contrasto.

A dominare la scena, c’è lei, Naomi Campbell con un abito nero dalla gonna ampissima, molto regale.

Dopo di lei, Demna riserva la chiusura a un abito da sposa con gonna extra large, realizzato con 250 metri di tulle in 7.500 ore, con 25 tipologie di paillettes e perline, tra cui 70.000 cristalli, 80.000 foglie d’argento.

Semplicemente couture.

Ultime pubblicazioni

Collaborazioni
seonsite
girandolando
vintage italian fashion
expresion
coondivido
chicca di sapone