L’azienda canadese Native Shoes ha lanciato sul mercato una nuova scarpa The Plant Shoe, completamente biodegradabile, perché ogni componente è realizzato con materiale vegetale. Grazie all’utilizzo di materiali naturali come cotone organico, lino, olio d’oliva, sughero e kenaf, è in grado di decomporsi naturalmente in tempi relativamente brevi.

La suola è realizzata in lattice naturale di hevea, una sostanza prodotta da gomma tropicale o gomma. Non contiene riempitivi o catalizzatori petrolchimici che si trovano generalmente in altri materiali di gomma presentati come naturali.

L’intersuola della scarpa è fatta con il 90% di sughero e il 10% di sisal, un’agave messicana coltivata per la produzione di fibre, mentre la soletta è fatta di kenaf, una pianta fibrosa originaria dell’Africa orientale.

La pasta di eucalipto viene utilizzata per la produzione di una base pieghevole e igroscopica da cui costruire la parte superiore della scarpa, mentre il lino organico viene utilizzato per la suola a contatto con il piede.

La tomaia comprende un esclusivo materiale Native Shoes sviluppato in collaborazione con Pinatex, famoso per il suo materiale di scarto di ananas, ottenuto da una miscela di corteccia d’ananas cardata e cotone organico.

Ciascuno di questi materiali è legato con filo di juta imbevuto di olio d’oliva e una colla naturale a base di lattice, mentre la scarpa stessa è attaccata con lacci di cotone organico al 100%.

Una volta che le sneakers sono alla fine della loro vita, i consumatori possono metterle nei loro contenitori di compost verdi, dove, una volta esposti a batteri e agenti di compostaggio naturali, inizieranno a decomporsi in circa 45 giorni.

Le scarpe sono disponibili sul sito web dell’azienda (prezzo 275,00 €).