CHANEL: Sulla maison Chanel non esiste aggettivo che non sia stato usato o segreto che non sia stato svelato perché si tratta, di certo, di uno dei marchi più celebri al mondo. E per questa stagione anche questa grande casa di moda non poteva non proporre le sneakers come uno dei modelli di scarpe su cui puntare. Ma lo fa a modo suo con una versione in tweed e gomma, a stivaletto e con zip o con particolari in maglia.

CHLOE’: Dire Chloé è come dire “parigina”. È uno dei marchi per eccellenza della settimana della moda di Parigi da quasi settant’anni e, da così tanto tempo, è il preferito dalle giovani bobo (versione francese del termine inglese boho chic) della capitale francese. Da sempre uno di quei pochi marchi che dettano le tendenze, questa stagione Chloé propone le sneakers in versione tecnica ma da usare sempre, che uniscono b chic parigino alle esigenze per la città come per il tempo libero. Belle le tonalità come anche le suole bicolore, che le trasformeranno in un vero successo.

JACOB COHEN: Il marchio Jacob Cohen nasce nel mondo del denim e dei pantaloni per uomo e, dopo un successo piuttosto immediato, si impone come marchio di abbigliamento total-look, con un successo che lo ha portato a essere distribuito in ben 450 boutique in Italia e circa 1500 punti vendita in tutto il mondo. Essendo un marchio molto attento alle ultime tendenze, anche Jacob Cohen non poteva esimersi dal proporre una collezione di sneakers. Ed ecco dunque i modelli dalla linea che ricorda gli anni Cinquanta, in cavallino di vari colori con stringhe in tonalità accese.

MARNI: Uno dei migliori marchi della settimana della moda di Milano, Marni riesce a stupire ogni stagione e, come sempre, tanto l’abbigliamento quanto gli accessori diventano il sogno di molte. Le sneakers per l’Autunno/Inverno hanno suole importanti a platform e hanno una linea che ricorda quella delle scarpe da ginnastica anni Settanta. La novità? Alcuni modelli sono in pelliccia, coloratissima o dai toni pastello, eleganti e perfette per una donna che guarda al futuro e alle nuove tendenze, con un occhio al passato. Perfette.

HOGAN: Unanimemente riconosciuto come uno dei simboli dell’talian style, il gruppo Tod’s da sempre pone grande attenzione al mondo delle sneaker (e delle scarpe per il tempo libero più in generale) con il suo marchio Hogan. La H sul lato del piede è diventata un simbolo riconoscibile quanto i loghi di marchi ben più longevi e, per la prossima stagione, la lettera sarà di nuovo presente su sneaker tecniche dalla suola importante, in bianco e in nero ma anche argento o in tinte metallizzate. Di certo un nuovo grande successo per il marchio che è uno dei primi ambasciatori del Made-in-ltaly.

MAX MARA: E’ sempre simbolo di creatività italiana e di artigianale. Un tempo c’era il detto “Una vera signora non può non avere un cappotto di Max Mara nell’armadio: Verità assoluta. Ma questa stagione il marchio emiliano ha deciso di proporre addirittura un modello di sneaker (in beige, Sa va sans dire) con rifiniture in pelliccia. Belle, calde, eleganti e perfette per quella signora elegante che indossa il cappotto di cui si parlava prima.

MM6: Era il 1989 quando il belga Martin Margiela arrivò come un tornado nel sistema moda, sconvolgendolo e cambiandolo per sempre. Il bianco il suo colore (successivamente viene aggiunto il nero) e rigorose le linee che diventano immediatamente un cult, entrando nella storia della moda. MM6 è la sua linea più giovane e di grande distribuzione e, anch’essa, si fonda sull’uso di due colori: il bianco e il nero. Quindi, ecco le sneaker iper-concettuali di MM6 monocromatiche che, ancora una volta, diventeranno un cult in tutto il mondo.

VIC MATIE’: Il marchio Vic Matié nasce nel 1987 grazie all’intuizione di Renato Curzi, che lo rende immediatamente riconoscibile con modelli creativi e di ricerca e un design di grande sperimentazione. Oggi il brand è nelle mani di Silvia Curzi, figlia del fondatore, che con grande spirito è riuscita a traghettare il marchio quarantenne nel mondo contemporaneo. La collezione per la stagione Autunno/lnverno pone l’attenzione ai dettagli come anche ai bisogni della donna del XXI secolo e, quindi, ecco le sneaker alte e dalla suola importante in nero.

ELLESSE: Sessant’anni, questa è l’età del mitico marchio sportivo italiano che risponde al nome di Ellesse. Negli anni Settanta uno dei cult assoluti grazie a campionesse di tennis come Chris Evert (la mitica), oggi sta vivendo una nuova vita grazie alle sue linee stagionali e alla Heritage che ripropone i vecchi modelli che non passeranno mai di moda. Non poteva quindi mancare tra le nostre scelte perché la collezione Autunno/lnverno 2019-20 mette insieme modelli ispirati ai Settanta con altri decisamente più contemporanei e tecnici. E qui sta il trucco di Ellesse: ognuno riesce a trovare il suo modello.

PRADA: Sul fatto che Prada sia uno di quei pochi marchi che dettano le tendenze mondiali non si può eccepire, come non si può obiettare sul fatto che Prada e Made in Italy siano due sinonimi ormai da vocabolario. Tornando alle nostre amate sneaker dobbiamo ammettere che quelle super-tecniche di Prada sono tra le migliori della stagione, da utilizzare in ogni occasione, con tutto e in qualsiasi occasione. Le accoppiate di palette sono interessanti almeno quanto il loro design: blu e nero, giallo e nero, verde militare e nero, rosso e nero, bianco e nero e, last but not least, total black.

COACH 1941: Fondato nel 1941, Coach è uno di quei marchi che si distinguono per il livello artigianale nonostante il fatto di essere un brand globale e, anche, un vero e proprio fenomeno planetario. Il direttore creativo Stuart Vevers, che ha preso in mano il marchio qualche anno fa con acclamazione di stampa e pubblico, per la prossima stagione propone una collezione della quale fanno parte, ovviamente, anche le sneakers.il modello che abbiamo scelto sembra essere stato decorato con i graffiti di un grande come Keith Haring nella New York City degli anni Ottanta.

CAT FOOTWEAR: La storia di Cat Footwear comincia quasi cento anni fa, nel lontano 1925, creando abbigliamento e scarpe per il lavoro. E così Cat (come tutti b conosciamo) è diventato un marchio famoso. Ma il tempo passa e quindi oggi non è solo un marchio di prodotti da lavoro, produce infatti decine di modelli diversi anche per il tempo libero, con un taglio decisamente contemporaneo e ispirato al mondo underground statunitense. Ecco quindi le sneaker con le suole quasi da scarponcino, in bianco e grigio ma con particolari coloratissimi.

YATAY: Marchio che ha debuttato l’anno scorso a Pitti, è un marchio che potremmo definire “responsabile”. Questa consapevolezza dei problemi di inquinamento causati dal settore moda, nasce dal suo fondatore Umberto De Marco che è riuscito a coniugare la sostenibilità con lo stile. Per la prossima stagione l’ispirazione arriva dall’Oriente. dalle strade di Mumbai, dai colori delle spezie dell’India, dai colori dei fiori e delle piante dell’Asia Orientale. Il tutto ha dato luogo a una collezione prodotta a mano in Italia con componenti eco-friendly che pensa alla salvaguardia dell’ambiente.

WOMSH: E’ il primo progetto che coniuga la moda italiana con i temi di sostenibilità ambientale ed economica. Il brand italiano è dunque la prova di come gusto e interesse per l’ambiente possano convivere senza scendere a compromessi in fatto di stile. Basta dare un’occhiata alla collezione Autunno/lnverno 2019: oltre i modelli ispirati alle scarpe da ginnastica anni Settanta (all’epoca ancora non esisteva il termine sneaker) c’è quello più contemporaneo, con suola importante e tecnica, perché anche la comodità è fondamentale.

GIVENCHY: Le partnership sono sempre un fenomeno interessante perché, in quelle ben riuscite, si devono unire i particolari distintivi di ogni marchio all’interno di ogni modello. E questo è il caso. Pensiamo a Givenchy, augusta maison parigina che da qualche anno è amatissima dai giovani, e a Onitsuka Tiger, forse il brand giapponese di sneaker più famoso al mondo. Basta mettere insieme la linea di OnitsukaTiger e i particolari di Givenchy e di certo si arriverà a proporre alcune tra le migliori scarpe per il tempo libero della stagione. E, infatti, così è accaduto.

JOSHUA x IRENE IS GOODLABEL: Il brand italiano di sneaker di lusso Joshua Sanders ha lanciato la sua prima collaborazione con Irene Kim, sudcoreana e icona di moda del XXI secolo.La collaborazione unisce Joshuas e Ireneisgoodlabel insieme al DNA delle sue aziende, la loro estetica e l’approccio contemporaneo nei confronti dello streetwear. Le sneaker sono reinterpretate nei colori pastello e con strisce metalliche in rosa, lilla e verde con un decoro a forma di unicorno. Il mantra di Irene ‘‘Good for you” è invece ricamato sulla linguetta di tutti.

LOTTO: Lotto è uno dei grandi nomi italiani per quanto riguarda le scarpe per lo sport e il tempo libero. Sin dagli anni Settanta le abbiamo viste ai piedi dei grandi tennisti sui campi di Wimbledon (le ricordiamo ai piedi di John Newcombe, otto volte vincitore del grande torneo inglese), del Roland Garros e degli altri tornei in giro per il mondo. Oggi, dopo un rilancio decisamente ben riuscito, il marchio riesce a far convivere modelli ispirati ai Settanta ma anche alcuni contemporanei e, perché no, il modello animalier per coloro che vogliono un po’ di glamour. Sempre.

STUART WEITZMAN: Se si dice Stuart Weitzman si dice eleganza. femminilità, charme, voglia di essere belle sempre e in ogni occasione del giorno e della sera. Se si dice Stuart Weitzman si pensa immediatamente agli stivali alti fino alla coscia, ai tacchi a stiletto, ai sandali (flat e high heel), a una donna che sente il bisogno di essere sempre iper-femminile. Ma i tempi cambiano e le donne eleganti e ultra-femminili amano il tempo libero e non possono pensare di spenderlo con un tacco 12 sotto i piedi. Ecco quindi la sneaker tecnologica a calza, ma maculata. Cosa chiedere di più a Mr Weitzman?

PALM ANGEL: Il progetto Palm Angels nasce nel 2014 sotto forma di un coffee table book che celebrava la cultura americana, voluto da Francesco Ragazzi. Lo sviluppo successivo è la prima collezione per l’Autunno-lnverno 2015), che si è fatta subito notare. Arriviamo così alla stagione A/I 2019-20 con i modelli a calza in materiale tecnico e dal design quasi avveniristico, con particolari in gomma e, addirittura, in metallo. Palm Angels è la prova che si può continuamente stupire facendo un prodotto di alta qualità.

ARCHISTAR: Scelte ingegneristiche, creatività e gusto italiani sono le chiavi per il successo di questo innovativo progetto che possiamo definire l’ultima evoluzione del design di settore. Per la collezione Autunno/lnverno 2019-20 i modelli proposti hanno la suola in Eva, un materiale ultraleggero il cui inserto dona elasticità e rende la camminata meno stancante. Tutto ciò senza dimenticare che anche l’occhio vuole la sua parte e quindi ecco la palette dai molti colori di grande tendenza in questa stagione e il design decisamente contemporaneo.