Articoli

animalier

Moda animalier, è ora di tirare fuori gli artigli

[et_pb_section admin_label=”section”]
[et_pb_row admin_label=”row”]
[et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Text”]

Animalier, un evergreen della moda, la stampa più popolare delle passerelle.

Il manto della tigre ha conquistato tutti i brand, lo so, non è facile da indossare per le più discrete, perché può risultare eccessivo. Oggi, però, scopriremo come innamorarci di questa stampa, partendo da piccoli dettagli, come un reggiseno da abbinare a un look a strati, sopra un paio di pantaloni e una camicia. Oppure, inserendola in un look total white, dove un top con stampa tigrata fa capolino da sotto una blusa o cardigan.

Anche un cappotto con stampa tigrata può avvicinarci gradualmente alla tendenza.

Un’ulteriore alternativa è un vestito in total look animalier, elegante, non estremo.

Salvatore Ferragamo propone un mini dress con cintura bianca e una borsa oversize in arancione cangiante.

Non possiamo non citare colui che si è reso celebre per questa stampa: Roberto Cavalli. Oggi, Fausto Puglisi, ha reso questa presenza ancora più estrema, con una collezione primavera estate ricca di tigri. Ovviamente solo per chi ama osare.

Non mancano tutte le stampe animalier, come il vestito leopardato scelto da Kate Middleton, una mise da giorno semplice e chic. Un look elegante, ma dal tocco casual, perfettamente con il suo stile e con il suo ruolo. Il vestito è firmato Derek Lam 10 Crosby, si caratterizza per la deliziosa stampa animalier in una tonalità verde militare e per il fiocco che regala all’outfit un pizzico di romanticismo.

Anche la designer Jeanne Damas, nuova icona dello stile alla parisienne, in occasione della sfilata di Dior a Parigi, ci ha stupite e ispirate con un meraviglioso vestito animalier.

L’abito indossato è un modello chemisier dalla stampa leopardata, abbinato a una giacca texudo scura con una cintura in vita, molto raffinata. Questo a dimostrazione del fatto che un abito animalier può risultare comunque elegante.

Abbinare l’animalier non è cosa facile, l’errore più frequente è quello di scegliere capi sbagliati, a ogni età.

Indossare il leopardato a 20 anni è lecito, ma si può correre il rischio di dimostrare qualche anno in più, meglio puntare su capi dalla stampa maculata, ma in tessuto più giovanile, come il denim.

L’animalier è una delle stampe perfette a 30 anni, una gonna midi leopardata è il pezzo chic che più si addice al loro guardaroba, da abbinare con una camicia bianca e degli accessori pop, dall’ufficio all’aperitivo.

A 40 anni ottima la scelta di un vestito leopardato, dona un tocco ricercato. Basta puntare su un abito midi dalla stampa maculata, da indossare con capispalla e accessori neutri.

A 50 anni perfetto un pantalone maculato dal taglio dritto, una t-shirt a stampa, una giacca di pelle e delle sneakers, o un tailleur bianco e una décolleté maculata, molto glamour, con una dose di grinta che non guasta mai.

A 60 anni i fiori sono già visti, le righe fanno scolaretta, l’animalier, in questo caso, è un salva look, ovviamente a piccole dose: un tailleur e un top morbido o modello corsetto animalier, per esempio.

Se da un lato è vero che tra l’apparire sofisticate o, al contrario, di cattivo gusto il passo è breve, dall’altro mi tocca essere sincera: le fantasie animalier sono ciò che di più abbinabile esista al mondo.

Puoi adorarle o puoi detestarle, ma la verità è una sola: le fantasie animalier non passano mai di moda. Tanto è vero che da quando Christian Dior nel 1947 fece sfilare a Parigi la sua prima collezione in cui figuravano ben due “jungle dress”, lo stile selvaggio delle stampe non ha mai più abbandonato le passerelle internazionali.

animalier,animalier moda,animalier style,animalier significato,animalier stilista,animalier 2022

 

animalier[/et_pb_text][/et_pb_column]
[/et_pb_row]
[/et_pb_section]

Makeup_eyeliner

Il trucco del 2022? E’ white arrows stile Euphoria

Oggi parliamo di trucco. Gli ultimi due anni, a causa della pandemia, hanno visto una vera e propria rivoluzione della routine di bellezza di ognuno di noi. La voglia di esprimersi passerà attraverso un nuovo modo di truccare il viso: non più o non solo attraverso il make-up convenzionale, ma anche grazie a tattoo temporanei e disegni realizzati con ombretti e eyeliner.

Un assaggio, in Italia, già lo abbiamo avuto con l’esibizione di Elisa sul palco del Festival di Sanremo 2022: eterea e angelica, avvolta nel suo abito total white di Valentino, ha sfoderato un trucco essenziale, acceso da linee grafiche e bianche a sagomare lo sguardo.

trucco

Elisa – Sanremo ph. Getty Images

Avveniristico ma un po’ vintage, l’eyeliner bianco ha il merito di unire i beauty case di diverse generazioni, tendenze, epoche, dai ragazzi cresciuti a pane & Beverly Hills 90210 ai Tiktoker pazzi per Euphoria. E proprio da qui, dalla serie Tv più trendsetter degli ultimi anni (in onda su Sky la seconda stagione), generatrice di ossessioni beauty che hanno contagiato social, celeb e passerelle, è partito già nel 2019 il gran rispolvero del make-up white. 

Quindi, white arrows – questa è la tendenza presentata da Dior alla sua sfilata SS 2022, che è stata prontamente raccolta dalle beauty influencer. Un tocco audace al make-generale facile da ricreare per andare alla conquista di migliaia di like. Tutto è iniziato con le ‘linee’ sulla palpebra inferiore. Tuttavia, ora non ha più importanza: si può disegnare anche sulla palpebra superiore.

Buon l’allenamento.