Articoli

sexy pexels ferdinand studio 1020056 (1)

Less is more, quando essere sexy non è essere volgare

Ciò che una donna considera già volgare, nel novanta per cento dei casi è considerato sexy da un uomo. Ma questo non deve trarre in inganno e farci ricercare la sensualità a tutti i costi. Molte donne pensano che la sensualità possa essere espressa attraverso cose provocanti. Decisamente no! L’imperativo è:

Less is more

Soprattutto come filosofia di vita dove la semplicità e il minimalismo possono essere anche lussuosi. Vediamo alcune regole base per look semplici che mettono in risalto la bellezza del corpo femminile senza scadere nella volgarità.

L’intero corpo in mostra

Non è necessario spogliarsi completamente per essere sexy. Micro-pantaloncini, top scollati, pance e spalle scoperte possono sembrare volgari tutti insieme. Allora compensiamo ciò che è mini con capi evergreen che metti e rimetti ogni stagione: la camicia maschile, il jeans, il blazer, il cappotto cammello, il vestitino nero e la t–shirt bianca.  Questi sono i pezzi basici che ti servono per costruire tutti i look accostati a capi più sexy.

Seconda pelle

Gli abiti aderenti non sempre fanno il gioco di chi li indossa. Un total-bouquet “aderente” può solo rovinare tutto e mostrare tutte le imperfezioni della figura. Le cose strette devono essere compensate dal volume: se avete indossato un pantalone basso, dovreste scegliere un top voluminoso, e viceversa.

Vedo, non vedo, funziona sempre

È un principio vecchio come il mondo, non sono i centimetri di pelle esposta a rendervi sensuali ma semplicemente poco elegante. Puntare sempre sul mostrare solo quel tanto che basta da innescare l’immaginazione e di bilanciare il gioco di “vedo-non-vedo”senza mai eccedere.

Accentuare non è sempre un errore

Il modo migliore per presentare un’immagine sexy è non è scoprire a tutti i costi. Non è che con scollature esagerate o con calze a rete autoreggenti si acquista in sensualità. Se avete dei punti di forza  accentuateli, come ad esempio con una bella schiena osate con la scollatura posteriore. Però, attenzione. Un abbigliamento scelto male può tagliare la silhouette in punti non necessari e far apparire il corpo sproporzionato. In presenza di difetti evidenti minimizzate scegliendo abiti che seguono le forme del corpo femminile, esaltate attraverso tagli strategici.

leggings

Capodanno: osiamo con legging corto e trasparenza

Osiamo con leggings corto e trasparenza? Se i tuoi amici si offrono di festeggiare il capodanno senza abiti pretenziosi, ma tu vuoi davvero, davvero osare.

prendi un vestito trasparente (anche se non necessariamente trasparente) e indossaci sotto dei leggings corti secondo le indicazioni di Dior:

smitizzato l’abito hai realizzato un vestito cool personalizzato per capodanno!

I leggings così escono dalla comfort-zone per entrare con eleganza nella nostra quotidianità. Si portano con scarpe con il tacco o con uno stivale di stagione, anche in gomma, con gonne e vestiti.

E osiamo, dunque, facendoli spuntare sotto un abito corto e/o trasparente.

inluencer

La #trasparenza degli influencer si vede su Instagram

La #trasparenza degli influencer si vede su Instagram. Sono sempre più numerose le aziende e i brand che in Italia si affidano agli influencer e ai creator per sviluppare storytelling innovativi, lanciare nuovi prodotti ed esperienze, raggiungendo più persone possibili via social.

Con un trend di crescita a doppia cifra, il mercato stimato dell’influencer marketing equivale infatti a 241 milioni di euro.

Dallo studio annuale “La trasparenza nell’Influencer Marketing” è emerso è che nel 2020 sono stati pubblicati 186.700 contenuti “trasparenti” che hanno generato 268 milioni di interazioni, e Instagram si è riconfermata la piattaforma preferita per le attività con i creator con il 94% dei post e il 98% delle interazioni generate.

Gli # presi in considerazione sono stati: #Ad, #Adv, #sponsorizzato, #sponsored, #inserzioneapagamento, #prodottofornitoda, #pubblicità, #advertising

Dall’analisi sono emersi 3 settori in particolare come settori più trasparenti: moda, cosmetica e tecnologia.

Nel dettaglio moda (abbigliamento e calzature) si riconferma l’industria più attenta alle regole con il 34% dei post prodotti (4 punti in più rispetto allo scorso anno).

La cosmetica (prodotti per la cura del corpo), in seconda posizione con il 16%.

Il terzo posto, che in passato era presidiato dal settore degli accessori, è occupato dalla tecnologia (elettronica di consumo), protagonista del 9% dei post prodotti, che guadagna 3 punti percentuali.

Il Covid cambia il ritmo delle campagne

Nel 2020 il numero di post trasparenti è leggermente diminuito (-5%). Nell’anno appena passato le stagionalità che caratterizzano alcuni settori sono state in parte annullate oppure si sono registrati dei picchi anomali rispetto alle attività adv. Ad esempio, si nota un’accentuazione delle campagne food a marzo, di quelle sull’entertainment durante i mesi del lockdown, di quelle beauty ad ottobre e di quelle fashion a novembre.

Per quanto riguarda le interazioni totali (like, commenti, condivisioni), la moda cattura il 37% di tutte le interazioni, mentre la bellezza il 16% e la tecnologia il 9,5%.

Post con più interazioni: la torta di Chiara Ferragni

Il post in lingua italiana che ha ottenuto più interazioni è quello della cheese-cake pubblicato da Chiara Ferragni con circa 614.000 interazioni.

chiaraferragni

Cheesecake con frutti di bosco ? La ricetta e la ricotta sono di @galbani_italia e questo è il risultato ? Non pensavo che cucinare fosse così rilassate ✌? #RestiamoInsiemeACasa #adv ?? Cheesecake with berries ? I got the recipe and the ricotta cheese from @galbani_italia and this is the result! ? Nobody told me how relaxing cooking can be ✌?

inluencer

La #trasparenza degli influencer si vede su Instagram

La #trasparenza degli influencer si vede su Instagram. Sono sempre più numerose le aziende e i brand che in Italia si affidano agli influencer e ai creator per sviluppare storytelling innovativi, lanciare nuovi prodotti ed esperienze, raggiungendo più persone possibili via social.

Con un trend di crescita a doppia cifra, il mercato stimato dell’influencer marketing equivale infatti a 241 milioni di euro.

Dallo studio annuale “La trasparenza nell’Influencer Marketing” è emerso è che nel 2020 sono stati pubblicati 186.700 contenuti “trasparenti” che hanno generato 268 milioni di interazioni, e Instagram si è riconfermata la piattaforma preferita per le attività con i creator con il 94% dei post e il 98% delle interazioni generate.

Gli # presi in considerazione sono stati: #Ad, #Adv, #sponsorizzato, #sponsored, #inserzioneapagamento, #prodottofornitoda, #pubblicità, #advertising

Dall’analisi sono emersi 3 settori in particolare come settori più trasparenti: moda, cosmetica e tecnologia.

Nel dettaglio moda (abbigliamento e calzature) si riconferma l’industria più attenta alle regole con il 34% dei post prodotti (4 punti in più rispetto allo scorso anno).

La cosmetica (prodotti per la cura del corpo), in seconda posizione con il 16%.

Il terzo posto, che in passato era presidiato dal settore degli accessori, è occupato dalla tecnologia (elettronica di consumo), protagonista del 9% dei post prodotti, che guadagna 3 punti percentuali.

Il Covid cambia il ritmo delle campagne

Nel 2020 il numero di post trasparenti è leggermente diminuito (-5%). Nell’anno appena passato le stagionalità che caratterizzano alcuni settori sono state in parte annullate oppure si sono registrati dei picchi anomali rispetto alle attività adv. Ad esempio, si nota un’accentuazione delle campagne food a marzo, di quelle sull’entertainment durante i mesi del lockdown, di quelle beauty ad ottobre e di quelle fashion a novembre.

Per quanto riguarda le interazioni totali (like, commenti, condivisioni), la moda cattura il 37% di tutte le interazioni, mentre la bellezza il 16% e la tecnologia il 9,5%.

Post con più interazioni: la torta di Chiara Ferragni

Il post in lingua italiana che ha ottenuto più interazioni è quello della cheese-cake pubblicato da Chiara Ferragni con circa 614.000 interazioni.

chiaraferragni

Cheesecake con frutti di bosco ? La ricetta e la ricotta sono di @galbani_italia e questo è il risultato ? Non pensavo che cucinare fosse così rilassate ✌? #RestiamoInsiemeACasa #adv ?? Cheesecake with berries ? I got the recipe and the ricotta cheese from @galbani_italia and this is the result! ? Nobody told me how relaxing cooking can be ✌?