Valentino Haute

Valentino Haute Couture 2022, omaggio alla diversità

Per Valentino Haute Couture 2022 Pierpaolo Piccioli, direttore creativo, ha deciso di portare in passerella modelle che non fossero super magre, ma donne con un corpo autentico, reale.

Lo stilista ha pensato semplicemente che ”fosse arrivata l’ora di cambiare”, lavorando su corpi reali, cambiando l’idea di un canone di bellezza assoluta.

Il designer ha affermato: ”il messaggio non cambia nel suo scopo, che è quello di trasmettere la bellezza, ma nella sua espressione accogliente”.

Una sfilata in cui ha messo per la prima volta al centro dell’attenzione il corpo piuttosto che l’abito.

Sono le silhoutte degli abiti a doversi adattare alle forme di chi li indossa e non il contrario.

Con “Anatomy of Couture”, la nuova collezione Haute Couture di Valentino, presentata all’interno dell’atelier di Place Vendome, Pierpaolo Piccioli è andato oltre qualsiasi pregiudizio, stereotipo sociale, culturale, temporale, stravolgendo il concetto stesso di Couture.

La moda di oggi deve rappresentare tutte le donne e farle sentire uniche. Hanno sfilato modelle e modelli di età, colore e taglie diverse in uno show che ha celebrato la bellezza di ogni donna, sottolineando che è il corpo l’unico protagonista.

La top model, icona degli anni ’90, Kristen McMenamy, ha indossato un mini abito nero, con guanti en pendant e autoreggenti a vista.

Sugli abiti trionfano ruches, paillettes, piume, strascichi e drappeggi leggeri.

Accanto al nero, bianco e grigio ci sono colori brillanti come l’oro, l’azzurro, il fucsia, il viola, il rosa fragola e il verde mela.

I cappotti sono preziosissimi, ricchi di ricami, non mancano le cappe realizzate in chiffon, cashmere o taffetà.

Le donne sono sensuali attraverso trasparenze, spacchi vertiginosi, veli e scollature profonde.

Ci sono capi minimal contrapposti a creazioni dai volumi importanti, mini dress lunghi fino alla caviglia. Non mancano i completi con bluse e top minimal abbinati ai pantaloni a palazzo, ma anche con bustier con strascico e mantelle di rouches.

In scena molti abiti monospalla con spacco altissimo. Tessuti preziosi, paillettes, guanti lunghi anche per l’uomo. Dai completi con giacca e pantaloni in vinile lucido, agli smoking con blusa indossati sulle sneakers, ai capispalla a mantella, c’è tanta voglia di rinnovarsi, portando dalla passarella alla vita reale una nuova idea di moda contemporanea.

di Virginia D’Amico

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] hanno percorso la lunga scala a chiocciola dell’atelier, indossando abiti da sogno creati da Pierpaolo Piccioli. Un pubblico affascinato, con la presenza luminosa di Jennifer Lopez in un long dress nero, ha […]

I commenti sono chiusi.