azioni per una moda sostenibile green moda sostenibile

Orsola De Castro: la regina dell’upcycling dagli scarti dell’alta moda

Orsola De Castro, la regina dell’upcycling L’hanno definita in molti modi: la signora degli stracci, la stilista del riciclo, la pasionaria del fashion 2.0.

Orsola De Castro, figlia di un artista veneziano, ogni volta, risponde con la stessa battuta:

«A me piace definirmi un’immondezzaia. Però deluxe».

Natali romani, infanzia veneziana, l’approdo appena 15enne nella Londra cosmopolita degli anni ’80, oggi è considerata la regina dell’upcycling, il processo che dona nuova vita ai capi d’abbigliamento da buttare, ed è una delle icone del movimento che chiede all’industria della moda di farsi più etica e sostenibile. È stata la prima a produrre in serie vendendo online su Yoox, il che ha reso possibile collezioni speciali per Speedo, Topshop e altri grandi marchi.

«E pensare che è nato tutto da un maglione bucato» ricorda spesso. Proprio così: era ancora giovanissima quando un negoziante vide un golf di cashmere che lei stessa aveva riparato con applicazioni all’uncinetto e gliene ordinò 6 identici. Come in una favola, in pochi mesi, le sue creazioni arrivano ovunque e nel 1997 crea From Somewhere (tutto arriva da qualche parte, tutto ha un’origine), un’etichetta moda che propone vestiti realizzati con tecniche sartoriali utilizzando scarti dei grandi marchi.

Orsola de Castro e il suo partner Filippo Ricci dal 1997 combattono contro lo spreco nella moda utilizzando per le loro collezioni i tessuti rimanenti trovati nei magazzini di tutto il mondo, tessuti avanzati e spesso si tratta anche di tessuti preziosi come la seta e il cashmere.

Oltre la collezione da donna, composta da magliette, vestiti e maglieria, disponibile nel negozio From Somewhere a Londra e sul Yoox.com, il brand ha intrapreso un’interessante collaborazione, creando una mini collezioni di abiti a prezzi accessibili per il distributore britannico Tesco.

Nel 2013 Orsola lancia Fashion Revolution, diventato negli anni il movimento di attivismo nella moda più grande al mondo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *